.
Annunci online

TheGianlucaTV
27 settembre 2010

Woodstock 5 Stelle: la rivoluzione di Grillo

Si respirava aria buona ieri a Cesena. Aria di una grande presa di coscienza civile. Qualche mese fa lessi dell’idea di Beppe Grillo di organizzare Woodstock Cinque Stelle, un festival con musica ed ospiti illustri che avrebbero trattato temi come ambiente, energie rinnovabili, acqua pubblica, raccolta differenziata, wi-fi pubblico e gratuito. Decisi sin da subito che avrei partecipato.
In tutto questo periodo di attesa, però, le mie aspettative, per quanto positive, erano limitate ad un evento stile V-Day, cioè un’occasione di partecipazione civile e di confronto su contenuti importanti purtroppo limitata a quella mezza giornata. Una sorta di positiva scossa alle coscienze con scarsi effetti continuativi.
Insomma i V-Day mi sembravano una casa potenzialmente bellissima, la cui costruzione però si è fermata alle fondamenta perché improvvisamente sono venute a mancare le risorse per continuare e la voglia di lavorare di gran parte degli operai. Al contrario, con Woodstock Cinque Stelle è stato costruito (rigorosamente con materiali ecosostenibili) un bellissimo palazzo che deve e può essere migliorato e rifinito. Ma stavolta la materia prima non manca e ci sono tantissimi volontari pieni d’energia pronti ad apportare il proprio “mattoncino”.
La mia partecipazione si è limitata solo alla domenica per motivi personali ma sono orgoglioso e felicissimo di essere riuscito a raggiungere l’ippodromo di Cesena, che durante lo scorso weekend è stato meta di cittadini di tutte le età, incluse famiglie ed anziani. Ma la cosa che mi ha colpito maggiormente è stata la presenza di tantissimi ragazzi di 18-20 anni. Sì perché, lo ammetto, probabilmente per una sorta di sfiducia o conflitto fra generazioni (io sono un trentenne), ma anche per gli esempi pratici da “reality show e bella vita” di cui spesso mi capita di essere testimone, ho sempre avuto qualche riserva sul livello di interesse per il proprio futuro dei ragazzi di quell’età. Ieri le mie perplessità si sono trasformate in speranza.
Sul palco della nuova Woodstock si sono alternate le performance di gruppi più o meno famosi e le testimonianze, dal vivo o filmate, di oratori e specialisti di rinnovabili, acqua, economia, ambiente, informazione. C’era persino una parlamentare islandese, Birgitta Jonsdottir, eletta grazie alla rete che nel suo Paese (l’Islanda si è recentemente candidata a diventare il Paradiso del Web) gode di una situazione legislativa e di diffusione radicalmente opposta alla nostra. Ho avuto anche modo di scambiare due chiacchiere con lei. “Questa manifestazione è bellissima, spero però che sempre più gente possa prendere coscienza dell’importanza di certi temi…” le ho detto. “Ma siete tantissimi e ci sono tanti semi piantati…”, è stata la sua risposta. Che è anche la speranza di tutti.
Sul palco della due giorni di “Pace, musica e futuro” c’era ovviamente anche il promotore. Grillo interveniva ogni tanto, con la consueta ironia e verve per chiarire alcuni concetti sulla natura e le intenzioni del Movimento: “la democrazia in Italia non c’è più, noi siamo un movimento di proposte”, “siamo i pazzi della democrazia”, “siamo i veri rivoluzionari, andremo in Parlamento”.
E gli argomenti trattati sul palco hanno avuto anche la loro immediata applicazione concreta. Per esempio, la minuziosa organizzazione messa in atto per riciclare tutti i rifiuti (non c’era una sola cartaccia sul prato), oppure  la possibilità di bere l’acqua da un serbatoio collocato apposta in uno dei punti del parco. Ed ancora, negli appositi punti di ristoro, venivano preparati e venduti solo prodotti locali. Mentre constatavo, meravigliato, con quale semplicità e, nel contempo, successo certe cose si possano mettere in pratica e ripetevo a me stesso “ma allora si può fare”, mi sentivo in pace con la purezza della natura.
Nel migliore dei casi, i detrattori di Grillo lo accusano di essere “l’antipolitica” perché il Movimento non è disposto a scendere a compromessi con nessuno schieramento (“non siamo né di destra né di sinistra, noi siamo sopra”), ma lui risponde di essere pronto ad allearsi “solo con i cittadini” perché “i partiti sono morti, noi siamo vivi, siamo idee che viaggiano”. Un invito finale il comico genovese lo fa a coloro che sono stanchi di questa politica, che a causa del denaro “è diventata merda”, ma scettici: data la pessima realtà in cui viviamo, con i soliti noti che ci rubano il futuro da decenni, “perché non provare a cambiare? Cosa avete da perdere?”.


17 giugno 2009

Il sogno di riscoprire la questione morale






6 giugno 2009

PORCELLUM

E' la legge elettorale italiana nº 270 del 21 dicembre 2005, scritta principalmente dal Ministro Roberto Calderoli, che in una intervista a Matrix la definì "una porcata". Di fronte allo stupore del conduttore Mentana, il ministro si giustificò affermando testualmente: "Quando uno fa una porcata e non se ne rende conto è un altro tipo di riscontri rispetto a quando uno lo fa volutamente...". Da quel momento la Legge Calderoli fu denominata Porcellum.
Da Wikipedia: " Fu approvata con i voti della maggioranza parlamentare (principalmente Forza Italia, Alleanza Nazionale, Unione dei Democratici Cristiani, Lega Nord), senza il consenso dell'opposizione (principalmente Italia dei Valori, Democratici di Sinistra, Margherita, Rifondazione comunista), che l'ha duramente criticata e contrastata. Ha modificato il precedente meccanismo misto, per 3/4 a ripartizione maggioritaria dei seggi, in favore di un sistema proporzionale corretto, a coalizione, con premio di maggioranza ed elezione di più parlamentari contemporaneamente in collegi estesi, senza possibilità di indicare preferenze". In pratica i candidati se li scelgono i partiti e noi li ratifichiamo col voto. Una sorta di pratica plebiscitaria medievale.
Il partito di riferimento del "ministro per le riforme suine", la Lega, sta cercando di boicottare i referendum, fissati per il 21 e il 22 giugno 2009 contemporaneamente ai ballottaggi per le elezioni amministrative locali. Di fatto, la scelta di tali date ha suscitato moltissime polemiche, dal momento che il 6 ed il 7 giugno si vota per l'Europarlamento. Accorpare le due consultazioni in un "election day", come era stato proposto, avrebbe garantito un risparmio di circa 400 milioni di euro che, dati i tempi che corrono, male non fanno. Ma la mossa è chiara: ostacolare il raggiungimento del quorum e, quindi, scongiurare l'abolizione della possibilità per i partiti di unirsi in coalizione. In questo modo, infatti, il premio di maggioranza andrebbe alla singola lista che raccoglie da sola più voti. In soldoni, ad oggi la Lega non conterebbe nulla mentre il PDL avrebbe lo strapotere assoluto. Ma il Carroccio si difende giustificando la scelta di non accorpare il referendum alle altre votazioni con il rischio di confusione da parte dell'elettore o sollevando dubbi di incompatibilità costituzionale. Certo è che, comunque vada, cadremo dalla padella alla brace...se passasse il referendum, infatti, chi non scommetterebbe 1 centesimo sulla tentazione di un ulteriore consolidamento assolutistico del proprio potere da parte del Premier?

 

11 maggio 2009

La crisi è finita, andate in pace.

 I disoccupati pubblici e privati aumentano, la gente non arriva a fine mese, il debito pubblico è alle stelle, le piccole e medie aziende chiudono o fanno i salti mortali per sopravvivere, l'evasione fiscale risale. Ma bisogna "essere ottimisti" e "consumare". Nel frattempo, il 50% aziende italiane quotate in borsa ed il 25% delle banche hanno partecipazioni in società offshore costituite in vari paradisi fiscali...
Ma ci sono fatti ben più gravi di cui preoccuparsi: il Bagaglino ha chiuso i battenti, alcune veline si lamentano della loro esclusione improvvisa dalle liste del pdl per le europee, Veronica e Silvio si separano "per colpa della stampa di sinistra", la febbre suina si diffonde (nonostante le smentite, io sospetto ancora di Calderoli...). Sorridiamo, va tutto bene.




25 aprile 2009

MANUALE DI REGIME ITALIOTA

In un regime travestito da democrazia funziona così. Tutti devono ossequiare e sostenere il potere. Tutti coloro che esprimano anche solo un'opinione critica sull'operato di chi il potere lo detiene devono essere messi da parte, umiliati, tolti di mezzo.
E come, dato che questo sistema di governo si impone sempre in maniera subdola, si insinua come un virus che attacca lentamente e inesorabilmente, finendo per annullarle, le difese immunitarie del sistema democratico? Semplice. Servendosi di tutti i mezzi di propaganda disponibili per sferrare un'offensiva volta ad annichilire l'oppositore ed a trasformarlo nel pericolo pubblico numero uno, nella minaccia contro cui il bravo popolo deve fare causa comune stringendosi in un abbraccio solidale con il proprio leader carismatico, cui il buon cittadino aspira ed a cui vorrebbe assomigliare. Il cattivo, a seconda dei casi, può essere additato come "comunista" (in generale tutti gli oppositori politici, almeno se e quando ce n'è qualcuno), "spione" (cercare Genchi nell'ultima edizione del dizionario di regime), "fazioso" (ogni giornalista contestatore e non compiacente). Oppure si possono studiare, coniare ed introdurre nel linguaggio comune definizioni malignamente geniali come "giustizialista". Di completare l'opera si occupa la tradizionale e(d in)sana pratica del revisionismo.
Facciamo un esempio pratico: un magistrato osannato ed ammirato (pardossalmente anche da chi il potere adesso lo detiene) per le sue battaglie contro il malaffare e la corruzione nell'incancrenito sistema politico-economico del proprio paese negli anni Novanta, circa quindici anni dopo, di colpo, viene convertito nel diavolo, nel "boia che decapitò decine di teste" di innocenti cittadini. Scompaiono i fatti. E occhi distratti e memorie corte cancellano immagini e ricordi dei sacchi di soldi che questi "innocenti" avevano indebitamente accumulato. Dalla radiografia di quindici anni prima scompare, grazie ad un maldestro ma efficace ritocco grafico, il cancro che anni prima era visibilissimo. Lo stimato medico scopre di essere diventato il peggiore degli untori. Il ladro si veste da vittima. Il bene diventa male ed il male diventa bene.
Affinché la combustione interna della democrazia sia efficace, inesorabile ed apparentemente indolore è necessario, però, che l'azione di demolizione delle menti e di rieducazione del cittadino sia continua. Bene, questo è il compito dei tanti agenti di propaganda, pennivendoli e fedeli servitori di cui il potere si serve.
In Italia, per esempio, la "direttrice" de Il Giornale, Mario Giordano, risponde sempre "presente!" e si da tanto da fare per espletare al meglio le sue funzioni di "oggetto di regime". Per fortuna c'è ancora qualcuno che resiste.


agosto        ottobre
in evidenza

29 dicembre 2010 La fine dell'anno La fine dell'anno è arrivata. Il primo decennio del  XXI secolo si è concluso. Ho riascoltato i discorsi di fine anno dei nostri Presidenti della Repubblica. Qualcuno leggeva altri andavano a memoria. Gli argomenti? Disoccupazione, emigrazione, terrorismo, studenti, assassini comuni e politici.  la costanza di tali elementi  mi è ... (continua) Leggi tutto

chi sono
TheGianlucaTV
I libri per chiarelettere

I nuovi mostri
Oliviero Beha





Scheda libro
Acquista online

Italiopoli
Oliviero Beha





Scheda libro
Acquista online

prossimi appuntamenti
Tutti gli appuntamenti
archivio



Blog letto 1 volte
bacheca

Journalist Blogs - BlogCatalog Blog Directory Join My Community at MyBloglog! BlogItalia.it - La directory italiana dei blog TopOfBlogs