Blog: http://TheGianlucaTV.ilcannocchiale.it

Brunetta insulta, poi mente ma viene sbugiardato dalla rete

La rete non ha pietà: i politici vengono smascherati alla prima cazzata che dicono o fanno, senza "se" e senza "ma".
In rete non possono nascondere le propie malefatte dietro alle manipolazioni di questo pennivendolo o di quel conduttore televisivo.
Basta mettere a confronto il video degli insulti di Brunetta ai precari e la sua falsa ricostruzione, da lui stesso postata subito dopo ("faccio io la controinformazione"), per esempio ed il gioco è fatto. Si scopre che sta mentendo.
E dato che anche loro hanno cominciato a capire, cercano di demonizzare il popolo di internet, lo insultano, addirittura lo criminalizzano (Brunetta parla di "squadrismo" in rete, Stracquadanio li chiama "fancazzisti").La risposta è quella dei referendum, è la "democrazia partecipativa": una marea che spazzerà via queste strutture politiche d'altri tempi, la "democrazia rappresentativa" che in realtà è solo il gioco di una casta che punta all'autoconservazione.
Ma il vento sta cambiando...

 

Pubblicato il 16/6/2011 alle 14.9 nella rubrica politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web